Share |
Economia

Casse dell'Umbria, la mappa delle filiali da accorpare

I 18 sportelli che chiuderanno. Rischio esuberi, prime tensioni. Via i vecchi marchi, arriva il logo unificato


Il "piano" è stato consegnato a Milano nelle mani dei sindacati una manciata di giorni fa. Il Gruppo Intesa Sanpaolo ha messo nero su bianco gli sportelli delle quattro Casse di risparmio umbre (Spoleto, Terni, Foligno e Città di Castello) che rientrano nel progetto di riorganizzazione - e quindi saranno accorpati - in vista della nascita, prevista per il 26 novembre, di Casse di risparmio dell'Umbria. Il documento, da un paio di giorni, è filtrato tra i dipendenti creando fibrillazioni e tensioni. Sono 18 le filiali dei sei istituti del Gruppo coinvolti nel riordino che verranno soppresse. Sette in meno, dunque, rispetto alle 25 ipotizzate sulla base della media "tagli" fissata a livello nazionale. Ma decine di lavoratori attendono comunque di conoscere il proprio futuro. Gli accorpamenti avverranno in due tranche: il 12 e il 26 novembre, le date in cui avverrà la fusione, prima delle Casse umbre in Carispo che assumerà la denominazione di Casse dell'Umbria e Spa e poi l'ingresso in quest'ultima di Cr Firenze e degli sportelli di Intesa Sanpaolo.
La mappa del riordino. Il 12 novembre è previsto l'accorpamento di questi sportelli: la filiale "Città di Castello-Matteotti" di Caricast sarà accorpata con la "Meltina", sempre Caricast; "Foligno 5" di Carifol sarà accorpata con "Foligno 9"; "Terni sede" di Carit sarà accorpata con "Terni 5"; "Foligno 4" di Carifol finirà con "Foligno 8"; la filiale "Narni Scalo" di Carispo finirà con "Narni Scalo" di Carit; la filiale "Perugia-Castel del Piano" di Carispo sarà accorpata a Perugia S. Andrea delle Fratte" di Carifol; la filiale "Amelia" di Carispo sarà accorpata alla filiale "Amelia" di Carit. Il 26 novembre, invece, ci saranno questi accorpamenti: la filiale "Assisi-via Marconi" di Carifol sarà accorpata con "Assisi" di Cr Firenze; "Foligno sede" di Carifol andrà con la filiale "Foligno" di Cr Firenze; la filiale "Perugia" di Carit con "Perugia" di Cr Firenze; la filiale "Ponte S. Giovanni" di Caricast con "Ponte S. Giovanni" di Cr Firenze; la filiale "Umbertide" di Caricast con "Umbertide" di Cr Firenze; la filiale "Gualdo T." di Carifol andrà con la filiale "Gualdo T." di Cr Firenze; la filiale "Bastia Umbra" di Cr Firenze con "Bastia Umbra" di Intesa Sanpaolo; la filiale "Ponte S. Giovanni" di Cr Firenze con "Perugia 02" di Intesa Sanpaolo; la filiale "San Sisto" di Cr Firenze" con "Perugia 03" di Intesa Sanpaolo; la filiale "Ellera di Corciano" di Carispo andrà con "Ellera" di Cr Firenze; "Spoleto-piazza Garibaldi" di Carispo andrà con "Spoleto" di Cr Firenze.
Marchi ed esuberi. Naturalmente tutte queste nuove "filiali accorpate" non presenteranno più il vecchio marchio, ma quello di Casse di risparmio dell'Umbria Spa. La riorganizzazione delle quattro Casse, è bene ricordare, riguarda oltre 700 lavoratori. Per molti di loro, proprio in seguito agli accorpamenti, si prospetta la possibilità di un trasferimento da una filiale all'altra.E poi c'è il nodo degli eventuali esuberi, da inquadrare all'interno della partita nazionale che sta interessando il Gruppo.