Share |
Cronaca

Percosse e minacce alla ex, 57enne accusato di stalking: non potrà avvicinarsi alla donna

L'uomo è accusato anche di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale


 


La misura cautelare dell’allontanamento dalla ex convivente, per il reato di stalking, è stata disposta nei confronti di un folignate di 57 anni, accusato di aver maltrattato la donna, per alcuni anni, con minacce, lesioni e percosse.   L’uomo è stato anche denunciato a piede libero dagli agenti del commissariato folignate per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale e per rifiuto di fornire le proprie generalità.   Il 57enne e la donna, di origini africane, di 33 anni e già madre di una bambina, avevano avuto una relazione sentimentale cominciata nei primi anni del 2000. Nel 2003 era nata un’altra bambina.   Nel 2008 e nel 2009 la donna aveva presentato due querele nei confronti del convivente, per percosse. La situazione - ha riferito il commissariato - è però degenerata a partire dal giugno di quest’anno, fino a metà agosto, con maltrattamenti psicologici, insulti, minacce di morte e lesioni, anche davanti alle due bambine. Nell’ultimo episodio, in seguito al quale è intervenuta anche la polizia, l’uomo, dopo avere incontrato la giovane a passeggio con un’altra persona, le ha sputato e l’ha presa a schiaffi. Ha quindi aggredito anche i poliziotti intervenuti e per questo è stato denunciato.   La misura cautelare è stata disposta dal gip del tribunale di Perugia, su richiesta del pm che ha coordinato le indagini della polizia. Prevede il divieto da parte dell’uomo di avvicinarsi al domicilio e al luogo di lavoro della donna ed il divieto di comunicare con lei con qualsiasi mezzo. Potrà inoltre incontrare le bambine soltanto alla presenza di terze persone, in particolare dei servizi sociali.